Ari Benjamin Meyers – In Concert

Quando

01 mar 19 - 14 apr 19

venerdì 01 marzo '19

sabato 02 marzo '19

domenica 03 marzo '19

giovedì 07 marzo '19

venerdì 08 marzo '19

sabato 09 marzo '19

domenica 10 marzo '19

giovedì 14 marzo '19

venerdì 15 marzo '19

sabato 16 marzo '19

domenica 17 marzo '19

lunedì 18 marzo '19

venerdì 22 marzo '19

sabato 23 marzo '19

domenica 24 marzo '19

giovedì 28 marzo '19

venerdì 29 marzo '19

sabato 30 marzo '19

domenica 31 marzo '19

giovedì 04 aprile '19

venerdì 05 aprile '19

sabato 06 aprile '19

domenica 07 aprile '19

lunedì 08 aprile '19

giovedì 11 aprile '19

venerdì 12 aprile '19

sabato 13 aprile '19

domenica 14 aprile '19

Durata

Variabile

Prezzo

€ 2 - 4

Dettagli

Ari Benjamin Meyers – In Concert
Performance attiva giovedì/venerdì: ore 13.00 - 19.00; sabato/domenica: ore 12.00 - 18.00
Ingresso gratuito giovedì/venerdì: ore 11.00 - 13.00


Binario 1 | OGR – Officine Grandi Riparazioni
Mostra a cura di Valentina Lacinio & Judith Waldmann


 
Extra
Da sapere
Non si tratta tanto della performance in sé o di per sé e nemmeno dell’idea che si performi qualcosa per gli altri, ma piuttosto dello spazio che si apre all’intersezione tra pubblico, musicisti, e musica”.
— Ari Benjamin Meyers, 2016

Performance attiva giovedì/venerdì: ore 13.00 - 19.00; sabato/domenica: ore 12.00 - 18.00

Dal 1 marzo al 14 aprile 2019OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino, in collaborazione con Kasseler Kunstverein, presenta la prima mostra personale dell’artista Ari Benjamin Meyers in un’istituzione italiana, a cura di Valentina Lacinio e Judith Waldmann, dal titolo In Concert.

Durante le sei settimane di In Concert, un gruppo costituito da otto performer porta in scena una selezione delle opere di Meyers. Una meta-partitura, composta dall’artista, stabilisce la struttura dell’intero progetto e ne scandisce il ritmo: Serious Immobilities (2013), fulcro della mostra, Duet (2014) e The New Empirical (840hz) (2013) sono opere partecipative in cui il visitatore è invitato a interagire.

In occasione della sua personale in Italia, Meyers presenta al pubblico delle OGR, per la prima volta in assoluto, K Club (2019), opera ideata appositamente per la mostra In Concert e progettata in linea con la duplice natura delle ex officine, spazio per la sperimentazione di arte e musica. L’opera vuole capovolgere l’esperienza del clubbing: il visitatore, non più individuo tra la folla, grazie a K Club si ritrova solo nella Sala Fucine e diventa protagonista unico di un intimo pas de deux con il DJ presente nella suggestiva sala post-industriale utilizzata per i concerti.

Il titolo della mostra In Concert evoca le origini latine del termine concerto –  la cui etimologia ci riporta alla consonanza di voci e suoni, all’atto di compiere un’azione comune. Meyers desidera creare all’interno delle OGR Torino uno spazio immersivo per incontri, scambi ed esperimenti musicali, capaci di coinvolgere chiunque sia presente in quel preciso istante, generare una performance unica e irripetibile, avvicinando esecutore e ascoltatore.

Formatosi come direttore d’orchestra e compositore, Ari Benjamin Meyers accompagna il visitatore oltre i limiti e i confini della musica occidentale tradizionale. L’intervento pensato per lo spazio del Binario 1 delle OGR Torino mira infatti a generare una pluralità di interazioni ed esperienze sociali.

Nei lavori dell’artista, la distanza tra interpreti e pubblico si riduce tanto da non poter più considerare il mittente come parte attiva e il destinatario come parte passiva: Meyers intende creare “una relazione autentica tra pubblico, interpreti e musica”.

Testo di Judith Waldmann.
La mostra è a cura di Valentina Lacinio e Judith Waldmann.

Performer: Amos Cappuccio, Chiara Cecconello, Sandhya Daemgen, Michela Depetris, Thomsen Merkel, Edoardo Mozzanega, Lisa Perrucci, Jan Terstegen.

Ari Benjamin Meyers – In Concert alle OGR - Officine Grandi Riparazioni, Torino, Italia segue Ari Benjamin Meyers – Tacet al Kasseler Kunstverein, Kassel, Germania (18.01. – 03.02.2019) a cura di Judith Waldmann.

Kasseler Kunstverein e OGR Torino sono riconoscenti per il generoso supporto offerto da Esther Schipper, Berlino.

Impianto scenico: Francesco Fassone
Consulente del'artista: Anja Lindner (Studio Ari Benjamin Meyers)

La musica per K Club è composta da Ari Benjamin Meyers con Deadbeat.
Prodotta in associazione con The Italian New Wave.
Featuring Gang Of Ducks (XIII, Sabla), Mana, Matteo Martino.
Lighting designer: Giovanni Ricciardi


Per scaricare la brochure della mostra clicca qui.